Navigation

Due arresti in Vaticano

Per la fuga di documenti riservati sono stati fermati un prelato e una donna. Entrambi hanno lavorato nella Commissione che ha riformato le finanze della Santa Sede

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2015 - 20:48

Per la fuga di documenti riservati della Santa Sede tra sabato e domenica sono stati arrestati in Vaticano monsignor Lucio Angel Vallejo Balda, spagnolo, già segretario della Prefettura degli Affari economici e della Commissione di studio sulle attività economiche e amministrative (Cosea) e Francesca Immacolata Chaouqui, già componente della Cosea. Ovvero la Commissiione che ha vigilato le riforme delle finanze vaticane.

L'Ufficio del Promotore di Giustizia ha convalidato l'arresto delle due persone, provvedendo a rimettere in stato di libertà Francesca Immacolata Chaouqui, 33 anni, nei confronti della quale non sono più state ravvisate esigenze cautelari, anche a motivo della sua collaborazione alle indagini.

La posizione di Mons. Vallejo Balda, 54 anni e vicino a Opus Dei, rimane al vaglio dell'Ufficio del Promotore di Giustizia. Da notare come Mons. Vallejo Balda puntava a diventare il capo della Segreteria per l'economia. Ma Papa Francesco gli ha preferito il suo ex segretario personale Alfred Xuereb.

La Santa Sede ricorda che la divulgazione di notizie e documenti riservati è un reato previsto dalla legge dello Stato della Città del Vaticano che prevede una reclusione fino a 8 anni.

red/ansa

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.