Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Crollo ponte Morandi Il quartiere Certosa, dove l'economia sta pian piano morendo

Il 14 agosto di un anno fa crollava il ponte Morandi. Il quartiere Certosa di Genova è da allora tagliato in due e da lì non passa ormai più quasi nessuno.

edificio fatiscente con cartello con la scritta 'via porro è ancora abitata'

Da lunedì 12 agosto, via Porro, nei pressi del ponte crollato, è stata riaperta al traffico.

(Keystone / Luca Zennaro)

Zona di passaggio quasi obbligatoria per andare e venire da Genova, il quartiere Certosa – dove vivono circa 12'000 persone – si è sviluppato economicamente proprio grazie a questo transito continuo.

Da un anno, però, il quartiere è spaccato in due. In mezzo le macerie del ponte Morandi. E in questa zona ormai non passa più nessuno. La situazione rischia di durare a lungo: una volta sgomberate le macerie, il quartiere sarà poi 'ostaggio' dei lavori di costruzione del nuovo ponte.

Alcune aziende hanno già chiuso i battenti. Altre cercano di resistere alla bell'e meglio. Il servizio della Radiotelevisione Svizzera da questo quartiere che lotta per non essere dimenticato:

(1)

genova e il quartiere Certosa a un anno dal crollo del ponte morandi

tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 13.8.2019)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box