Conseguenze della pandemia Tra i tassisti di una Milano deserta

Interno di un taxi

"In una giornata, su 10 ore di turno, quando va bene fai 3 o 4 corse".

Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

La pandemia e le misure per limitarla hanno fatto trasformato Milano una città fantasma se confrontata con la metropoli che si conosceva prima. Tra chi più arranca, soprattutto per la mancanza di turisti e la chiusura dei negozi, ci sono i tassisti.

File e file di taxi ferme in attesa di clienti. Che non arrivano. È una scena ormai comune nella Milano della pandemia, una città in cui, prima dell'arrivo del virus e delle misure per contenerlo, l'offerta di taxi sembrava spesso non bastare a soddisfare la domanda.

"Non hai neanche più la forza di uscire a lavorare", racconta la tassista Ilaria Cucchi ai microfoni della Radiotelevisione svizzera, "perché sai che ti aspetterà la solita giornata: cercare di arrancare e portare a casa qualcosa per mangiare".

Incontriamola in questo servizio:

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 09.01.2021)

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.


Parole chiave