Navigation

Come vive Stresa dopo la tragedia del Mottarone

La rimozione della cabina è attualmente in corso così come le indagini. Keystone / Tino Romano

Sono iniziate le operazioni dei vigili del fuoco per rimuovere la cabina della funivia del Mottarone precipitata lo scorso 23 maggio causando la morte di 14 persone. Le indagini sono ancora in corsa e noi siamo andati a vedere come vive Stresa dopo la tragedia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 ottobre 2021 - 22:13
tvsvizzera.it/fra

Le operazioni per la rimozione della cabina della funivia sono incorso. "Insieme al pool dei periti stiamo valutando come approcciare la cabina e come metterla in sicurezza per poi procedere al taglio, alla sua imbragatura e allo spostamento in elicottero, che non avverrà prima della fine del mese", spiega il comandante dei vigili del fuoco di Verbania, Roberto Marchioni.

"Si tratta di una operazione complessa, che prevede l'uso di materiali - aggiunge - e attrezzature particolari", tra cui un container Usar arrivato apposta dal Comando di Alessandria. 

"Lo stiamo piazzando per avere tutto quello che ci serve", spiega il comandante senza fare previsioni sui tempi della rimozione: "possiamo pianificare tante cose - conclude - ma non sappiamo cosa succede fino in fondo, anche il meteo ovviamente inciderà. Sicuramente entro fine mese l'operazione sarà portata a termine".

A cinque mesi dalla tragedia siamo andati a Stresa:

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.