Navigation

Addio a Milva

Milva nel 1999 durante un concerto a Zurigo. Keystone / Michele Limina

La cantante e attrice italiana Milva è deceduta venerdì sera a Milano all'età di 81 anni. Era malata da tempo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2021 - 13:28

Maria Ilva Biolcati, in arte Milva, aveva interpretato alcuni dei più grandi successi della canzone italiana degli anni '60 e '70.

Ricordata anche per la sua capigliatura rossa e il suo temperamento focoso (era soprannominata "la Pantera di Goro"), era conosciuta ben oltre i confini italiani. Il suo talento è stato riconosciuto in America latina, Spagna e Francia (dove è stata paragonata a Edith Piaf) e in Germania.

"Milva è stata una delle interpreti più intense della canzone italiana. La sua voce ha regalato emozioni a intere generazioni, Una grande italiana, un'artista partita dalla sua terra natale per salire sulla scena internazionale", ha commentato il ministro della cultura Dario Franceschini.

Il successo di Milva, nata il 17 luglio del 1939 a Goro in Emilia-Romagna, è iniziato con il festival di Sanremo de 1961, in cui si era classificata terza dopo aver vinto a vent'anni il concorso per nuove voci alla Rai.

La sua rivalità con Mina ("la Tigra di Cremona"), altra icona, ha segnato una generazione di italiana anche se questa concorrenza artistica, spesso sottolineata dalla stampa, è stata sempre smentita dalla stessa Milva.  

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz/afp con RIS (TG del 24.04.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.