Navigation

Bomba d'epoca, svuotata Pistoia

Un artificiere dell'esercito italiano vicino all'ordigno bellico in Toscana youreporter.it

Quasi ventimila persone hanno dovuto lasciare le loro case per il disinnesco di un ordigno risalente alla Seconda guerra mondiale

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 luglio 2016 - 14:14

È iniziato domenica mattina, poco dopo le 7.00, lo sgombero di quasi ventimila cittadini pistoiesi che vivevano nella cosiddetta "zona rossa" dove il 14 luglio è stata rinvenuta la bomba d'aereo inglese da 250 libbre (oltre 113 chili) risalente alla Seconda guerra mondiale e rinvenuta nel corso dei lavori di scavo per l'acquedotto cittadino.

Molti abitanti della zona, che comprende anche parte del centro storico, sono stati ospitati da amici e parenti che abitano nelle vicinanze. Per gli altri sono state allestite una decina di aree di accoglienza. Fino a mezzogiorno erano ancora in atto le operazioni di disinnesco, effettuate dagli artificieri del Genio pontieri di Piacenza.

Nel primo pomeriggio si sono concluse le delicate operazioni di messa in sicurezza dell'ordigno, che hanno visto impegnati cinque militari, due dei quali hanno lavorato direttamente sulla bomba. DI norma questo tipo di operazioni è effettuato a distanza, con l'utilizzo di un robot telecomandato, ma in questo caso la spoletta era danneggiata.

ANSA/EnCa

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.