Navigation

Antimafia, decine di arresti

Il blitz delle forze dell'ordine è ancora in corso keystone

Droga e armi da guerra. Carabinieri in azione in diverse regioni italiane, dalla Calabria alla Lombardia

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 novembre 2016 - 08:53

I carabinieri stanno eseguendo il fermo di 41 persone, in diverse regioni italiane, dalla Calabria alla Lombardia, su mandato della Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di diversi reati: dall'associazione di stampo mafioso al porto e detenzione di armi da guerra, dal traffico di sostanze stupefacenti all'estorsione, dalle lesioni personali all'intestazione fittizia di beni e incendio, con l'aggravante del metodo mafioso.

Sempre stamani (giovedì) i carabinieri di Bari sono entrati in azione nei confronti diuna ventina di presunti capi e gregari di tre distinti gruppi criminali, tra loro collegati, radicati nella provincia e a Cerignola (Foggia), dediti al traffico internazionale di droga e armi da guerra. Nel corso dell'indagine erano già stati arrestati altri 15 trafficanti, sequestrati 15 chilogrammi di cocaina e oltre 1 tonnellata di marijuana, e rinvenuto nell'ottobre 2014 al quartiere Madonnella di Bari un arsenale con 70 armi tra cui kalashnikov, mitragliatrici, fucili, pistole, silenziatori e oltre 3'500 munizioni.

RSI/NEWSLink esterno/ATS/M.Ang.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.