Navigation

Tangenti in Lombardia, indagato anche Attilio Fontana

Il governatore della Regione Lombardia, il leghista Attilio Fontana, è indagato per abuso d'ufficio nell'inchiesta della Divisione distrettuale antimafia di Milano, che martedì aveva portato al fermo di 43 persone.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2019 - 13:21
tvsvizzera.it/mar/ats con RSI (TG dell'8.5.2019)
Contenuto esterno


Fino a ieri, Attilio Fontana figurava come "parte offesa" nel procedimento. Il governatore della Regione Lombardia avrebbe infatti rifiutato, senza però denunciarla, un'offerta di Gioacchino Caianiello. L'ex coordinatore provinciale di Forza Italia a Varese, arrestato, avrebbe proposto a Fontana nell'aprile 2018 "consulenze onerose in favore dell'avvocato Luca Marsico", socio di studio del governatore, in cambio della nomina mai avvenuta di Giuseppe Zingale (direttore generale di Afol Metropolitana) alla direzione generale Istruzione Lavoro e Formazione della Regione.

Il procuratore di Milano Francesco Greco aveva però precisato che era "in corso la valutazione la posizione di Fontana sull'episodio relativo all'incarico ottenuto in Regione" da Marsico, un posto nel nucleo di valutazione degli investimenti pubblici.

Ed è proprio sull'attribuzione di questo incarico che Fontana è indagato per abuso d'ufficio.

Martedì, la Dda di Milano ha convocato e ascoltato diversi dirigenti della Regione ed acquisito una serie di documenti nella sede del Consiglio regionale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.