Navigation

Cosca di Frauenfeld, tre assolti in appello

"Assolti perché il fatto non sussiste". Così si è pronunciata la Corte di appello di Reggio Calabria che ha scagionato tre dei 12 imputati nel processo scaturito dall'operazione Helvetia, dopo che in prima istanza erano stati condannati a pene comprese tra gli 8 e 12 anni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2020 - 08:50
Mattia Pacella, RSI News
Contenuto esterno


Un processo che arriva a tre anni dalle immagini della bocciofila nel canton Turgovia. Immagini che avevano fatto il giro del mondo. Si parlava di droga armi e estorsioni.

L'operazione aveva sgominato la cosiddetta cellula di Frauenfeld, da 40 anni radicata nel nostro Paese. Gli arrestati in Svizzera vennero estradati in Italia per il processo. E ora tre sono stati prosciolti in appello. Gli altri nove saranno giudicati il prossimo 4 novembre.

La Corte avrà 90 giorni per depositare le motivazioni della sentenza. Le assoluzioni arrivano dopo la decisione del novembre scorso della Corte di Cassazione, che prosciolse i due boss della locale di Frauenfeld.

Contenuto esterno

Secondo i giudici non c'erano prove che fuori dalla Calabria i due avessero fatto leva sulla violenza e l'intimidazione per imporre il proprio metodo criminale. Ma di fatto la sentenza si dimostra un precedente pericoloso per i processi a venire sulla infiltrazioni all'estero.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.