La televisione svizzera per l’Italia

È morto Matteo Messina Denaro

Matteo Messina Denaro durante l arresto.
Matteo Messina Denaro durante l'arresto. Keystone / Carabinieri

Dopo una agonia di alcuni giorni è morto nell’ospedale dell’Aquila il boss Matteo Messina Denaro, l’ultimo stragista di Cosa Nostra arrestato a gennaio dopo 30 anni di latitanza. Il capomafia aveva 62 anni e soffriva di una grave forma di tumore al colon che gli era stata diagnosticata mentre era ancora ricercato, a fine 2020.

Dopo la cattura, Messina Denaro è stato sottoposto alla chemioterapia nel supercarcere dell’Aquila dove gli è stata allestita una sorta di infermeria attigua alla cella. Una équipe di oncologi e di infermieri del nosocomio abruzzese ha costantemente seguito il paziente apparso subito, comunque, in gravissime condizioni.

Nei 9 mesi di detenzione, il padrino di Castelvetrano è stato sottoposto a due operazioni chirurgiche legate alle complicanze del cancro. Dall’ultima non si era più ripreso, tanto che i medici hanno deciso di non rimandarlo in carcere ma di curarlo in una stanza di massima sicurezza dell’ospedale.

Contenuto esterno

Venerdì, sulla base del testamento biologico lasciato dal boss che ha rifiutato l’accanimento terapeutico, gli è stata interrotta l’alimentazione ed è stato dichiarato in coma irreversibile.

Nei giorni scorsi la Direzione sanitaria della Asl dell’Aquila ha cominciato a organizzare le fasi successive alla morte del boss e quelle della riconsegna della salma alla famiglia, rappresentata dalla nipote e legale Lorenza Guttadauro e dalla giovane figlia Lorenza Alagna, riconosciuta recentemente e incontrata per la prima volta nel carcere di massima sicurezza dell’Aquila ad aprile. La ragazza, con la nipote del boss e la sorella Giovanna, gli è stata accanto negli ultimi giorni.

L’ultimo stragista

Matteo Messina porta così nella tomba segreti che se rivelati aprirebbero un vaso di Pandora il cui contenuto potrebbe investire anche le più alte sfere della Repubblica.

Detenuto in regime di 41 bis, è stato arrestato lo scorso gennaio a Palermo, vicino alla clinica privata dove era in cura, dopo una latitanza durata quasi trent’anni. Giubbotto di montone griffato, orologio di lusso al polso, occhiali da sole e cuffia calata sulla testa: le immagini fecero il giro del mondo.

Capo della mafia del Trapanese, vicinissimo al boss dei boss Totò Riina e per questo ritenuto come uno dei depositari dei segreti che ruotano alla trattativa Stato-mafia, Matteo Messina Denaro era stato uno dei boss più importanti di tutta Cosa Nostra.

L’ascesa e la caduta

Per trent’anni è stato il latitante più ricercato d’Italia. Ma per trent’anni è stato pure un fantasma: presente ma impalpabile. Uomo forte della mafia corleonese nel frattempo caduta in disgrazia, c’è chi afferma che è stato lui stesso a organizzare il suo arresto, che si sia consegnato insomma, o forse che sia stato venduto. Le manette sonno scattate ai suoi polsi il 16 gennaio del 2023. È stato arrestato dagli uomini del ROS, i carabinieri del raggruppamento operativo speciale, dopo anni di indagini, coperture, depistaggi. Il suo identikit – aggiornato nel corso degli anni – aveva fatto di lui un volto quasi familiare.

Le indagini hanno poi rivelato che, molto probabilmente, non si era mai spostato dalla provincia di Trapani: tre dei suoi covi sono stati individuati nel comune di Campobello di Mazara, poco distanti uno dall’altro. Uno di questi era di proprietà di un uomo residente in Svizzera.

Durante la latitanza, si è appoggiato a una fitta rete di fiancheggiatori. A seguito dell’arresto dell’ormai ex super boss, sono inoltre finiti in manette, tra gli altri, il suo autista, l’uomo che gli prestò la sua identità e il suo medico di base. A proteggere Messina Denaro, rivelano le carte dell’inchiesta, è stata una cosiddetta “borghesia mafiosa”, popolata da esponenti del mondo politico, ma anche della massoneria deviata e delle stesse forze dell’ordine.

Messina Denaro iniziò a riempire il suo curriculum criminale già in giovanissima età. Prese le redini del mandamento di Castelvetrano negli anni Novanta, succedendo al padre malato e venne coinvolto in prima persona durante il periodo stragista di Cosa Nostra; fu anche tra gli organizzatori, nel 1993, del sequestro di Giuseppe Di Matteo, che all’età di 12 anni venne rapito da un gruppo di mafiosi affinché il padre Santino ritrattasse le sue rivelazioni sulla strage di Capaci. Il piccolo Giuseppe dopo oltre due anni di prigionia venne brutalmente ammazzato. Il suo corpo non fu mai ritrovato: il suo cadavere era stato sciolto nell’acido.

Grazie anche alle rivelazioni di Giovanni Brusca, mafioso di altissimo rango diventato nel frattempo collaboratore di giustizia, Matteo Messina Denaro finì sotto processo poiché ritenuto uno dei mandanti delle bombe di Roma, Firenze e Milano. Venne condannato all’ergastolo il 6 giugno del 1998, insieme a tutti i vertici di Cosa Nostra. Il processo si svolse in contumacia: la sua latitanza era iniziata già cinque anni prima.

Attualità

Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo
Manifestanti a Parigi.

Altri sviluppi

La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.

Questo contenuto è stato pubblicato al Sabato diverse migliaia di persone hanno manifestato in Francia per invocare una rivolta "repubblicana" contro l'estrema destra, che potrebbe salire al potere nelle elezioni parlamentari anticipate del 30 giugno e del 7 luglio.

Di più La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.
La foto di rito di tutti i leader presenti al G7 con al centro Papa Francesco.

Altri sviluppi

Un Papa per la prima volta al vertice del G7

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la prima volta di un Pontefice partecipa a questo vertice. L'accoglienza è calorosa non solo da parte della premier italiana Giorgia Meloni - "è un momento storico, non ringrazierò mai abbastanza Sua Santità per essere qui" - ma da tutti i Grandi della Terra.

Di più Un Papa per la prima volta al vertice del G7
Raphael Glucksmann.

Altri sviluppi

In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra

Questo contenuto è stato pubblicato al Raphael Glucksmann che ha rilanciato il Partito socialista con il suo movimento Place Publique ritiene che l'unico modo per fermare il Rassemblement National sia la craezione di un'unione di sinistra.

Di più In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra
Una postina svizzera.

Altri sviluppi

Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per risparmiare il Consiglio federale propone che solo il 90% delle lettere e dei pacchi venga consegnato per tempo dalla Posta. Inoltre, si vuole abolire l'obbligo di consegna nelle case abitate tutto l'anno.

Di più Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo
La cascata della Piumogna a Faido.

Altri sviluppi

Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

Questo contenuto è stato pubblicato al La portata del fiume Ticino e dei suoi affluenti in Leventina, tra Airolo e Personico, potranno subire delle importanti variazioni durante l’intero arco delle 24 ore. L'Azienda elettrica ticinese invita la popolazione alla prudenza. 

Di più Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR