Navigation

Zeman, addio Lugano bella

Il tecnico boemo non rinnova il contratto con il club ticinese salvatosi all'ultima giornata di campionato

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2016 - 20:03

Zdenek Zeman non è più l'allenatore del Lugano. Come ormai sembrava ineluttabile, soprattutto dopo la cocente sconfitta nella finale di Coppa Svizzera contro il retrocesso Zurigo, si è consumato il divorzio tra il tecnico boemo e la squadra ticinese. In giornata è stato lo stesso Zeman a informare con una telefonata il presidente Renzetti della sua decisione.

È probabile che sulla rinuncia di Zeman a restare in Svizzera abbia pesato la prospettiva di un'altra annata difficile nella quale il Lugano, senza i proventi dell'Europa League, dovrà verosimilmente lottare fino alla fine contro la retrocessione.

Ma c'è anche chi sospetta l'interessamento di qualche società italiana per l'allenatore ceco, magari dello stesso Pescara che Zeman aveva condotto alla promozione in A quattro anni fa. Intanto però il presidente del Lugano Angelo Renzetti è alla ricerca di un nuovo tecnico, che probabilmente proverrà anch'esso dalla Penisola.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.