Navigation

Volantino anti-ticinesi, identificato l'autore

Clienti ticinesi in un centro commerciale lombardo Ti_Press

Lasciato sui parabrezza di chi fa acquisti in Italia, deplorava l'approvazione dell'iniziativa "Prima i nostri"; è opera d'un 35enne di Erba

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2016 - 15:56

È stato identificato dai carabinieri di Como l'autore dei volantini contenenti offese ai ticinesi, rei di aver approvato l'iniziativa "Prima i nostri", lasciati sui parabrezza delle auto di svizzeri che si erano recati a fare la spesa oltreconfine. Stando a quanto riferisce oggi, lunedì, il quotidiano la Provincia, si tratta di un 35enne disoccupato, residente a Erba (CO). Messo alle strette, ha spiegato di aver agito solamente per rancore nei confronti degli elvetici.

Lo scritto conteneva frasi quali: "Visto che non ci volete a lavorare in Svizzera (dato l'esito dell'iniziativa UDC sulla preferenza indigena nel mercato del lavoro, ndr.), siete pregati di farvi la spesa a casa vostra". Il tutto arricchito da esplicite minacce ai consumatori rossocrociati ("vi squarceremo le gomme"), le cui vetture riempiono i parcheggi di negozi e centri commerciali nelle provincie di Como e Varese.

ludoC

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.