Navigation

Via libera al pagamento dei ristorni

tvsvizzera

Una decisione diversa avrebbe avuto effetti contrari agli interessi dei ticinesi secondo il presidente del Governo ticinese Manuele Bertoli

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2014 - 20:28

"La trattativa è a un punto interessante e si confida di concludere i negoziati in tempi rapidi. Bloccare i ristorni avrebbe avuto effetti contrari ai nostri interessi", ha detto il presidente del Governo ticinese Manuele Bertoli alla Cronache della Svizzera italiana.

"In Governo condividiamo l'analisi sulle criticità tra Svizzera ed Italia. C'è però un parere diverso nel ritenere opportuno o meno il blocco", ha precisato il consigliere di Stato, difendendo la scelta dell'Esecutivo di mercoledì, ovvero di non sospendere il pagamento all'Italia dei 58,7 milioni di franchi di parte delle imposte 2013 dei frontalieri.

"Se entro la primavera 2015 non ci saranno risultati concreti nella trattativa, la sospensione dei ristorni tornerà prepotentemente d'attualità", ha comunque ricordato Bertoli.

Red. MM/CSI

tipress

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.