Navigation

Re in val Vigezzo in zona rossa

La Val Vigezzo (Piemonte) ha sfidato il governo, tenendo in funzione parte degli impianti. Keystone / Alessandro Di Marco

Il comune di Re, quasi 700 abitanti nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, diventa zona rossa. Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, venerdì in serata ha firmato l'ordinanza che sospende anche l'attività didattica nelle scuole della Val Vigezzo. L'ordinanza, entrerà in vigore alla 18 di sabato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio 2021 - 14:54

Il Verbano Cusio Ossola, come spiegato già dall'assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Genesio Icardi, sarebbe la provincia più a rischio nella diffusione del virus mutato in forme maggiormente contagiose.

Gli oltre 5 mila frontalieri che tutti i giorni fanno la spola dall'Ossola e dal Verbano verso i cantoni Ticino e Vallese, così come il pendolarismo verso Milano, sono elementi che fanno alzare l'asticella di guardia.

Sotto stretta osservazione, in particolare, è il focolaio scoppiato a Re, dove su 700 abitanti i contagiati sono 26. Negli scorsi giorni anche il comune di Viggiù, nel Varesotto, poco più di cinquemila abitanti, era entrato nelle nuove zone rosse lombarde, stabilite dalla Regione.

Il servizio del telegiornale:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.