Navigation

Valichi chiusi, Como dice no

La chiusura notturna di valichi come Pedrinate non piace ai politici comaschi ti-press

La chiusura notturna dei valichi di confine minori crea malcontento nel Consiglio provinciale

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 novembre 2015 - 16:45

La decisione di Berna di appoggiare la chiusura notturna di sei dei sedici valichi secondari (tra cui Pedrinate e Novazzano) posta in atto dal Ticino ha suscitato nei giorni scorsi una levata di scudi unanime al Consiglio provinciale di Como. In un comunicato stampa, lunedì, gli esponenti comaschi hanno stigmatizzato infatti la "decisione unilaterale della Svizzera" in contrasto con gli accordi di Schengen.

I consiglieri provinciali lariani si sono mossi in blocco poiché, a loro avviso, si tratta di una misura "che rischia di penalizzare i comuni di frontiera sia dal punto di vista economico-commerciale, che da quello dei lavoratori frontalieri".

Una problematica che la Provincia aveva già evidenziato in sede di Consiglio direttivo della Regio Insubrica e che intende sottoporre nel corso dell'incontro organizzato proprio a tale riguardo venerdì 4 dicembre tra i sindaci dei comuni interessati, i consiglieri provinciali di Varese e Como, una delegazione parlamentare ticinese e i responsabili doganali svizzeri e italiani.

RSI/NEWS/EnCa

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.