Navigation

Un'expo nazionale (anche) a Lugano

Allo studio l'idea di un'esposizione decentrata; si terrebbe nelle 10 città più importanti del Paese; sarebbe una prima a sud delle Alpi

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2016 - 20:49

Lugano potrebbe diventare una delle sedi della prossima esposizione nazionale. Sarebbe una prima per il Sud delle Alpi. L'idea di organizzare un evento nei dieci centri urbani più importanti del Paese è in fase di studio e potrebbe concretizzarsi tra una decina d'anni.

L'ultima esposizione, Expo 02, si interrogava sulla Svizzera del nuovo millennio. Succedeva sulle rive lacustri di Neuchâtel, Bienne, Morat e Yverdon-Les-Bains sulle cosiddette arteplages (così erano chiamati i quattro siti espositivi).

Tra dieci, quindici anni il tema potrebbe essere la città del futuro; da qui il coinvolgimento dei centri più popolati: da Ginevra a San Gallo, da Basilea a Lugano.

La più attiva promotrice della prossima Expo è la sindaca di Zurigo Corine Mauch. A breve, i municipi inizieranno a discuterne. Andranno poi coinvolti i vari partner, tra cui il settore turistico.

Se all'Esposizione nazionale di Losanna nel 1964 i visitatori arrivavano in automobile -segno, allora, di modernità- a Lugano potranno arrivare con il treno e più velocemente: i tempi di percorrenza -grazie alla Nuova ferrovia transalpina- si accorciano, le città svizzere si avvicinano, il cittadino avrà l'occasione di interrogarsi su chi siamo e dove stiamo andando.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.