Navigation

Un centinaio di risparmiatori raggirati, un arresto

Due società finanziarie luganesi indagate dalla procura ticinese, su segnalazione della Finma

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 novembre 2016 - 19:35

Una nuova inchiesta, che nei giorni scorsi ha portato a un arresto, sta scuotendo la piazza finanziaria luganese. I titolari di tre società, due delle quali con sede in riva al Ceresio, sono infatti sospettati di aver raggirato un centinaio di risparmiatori, in prevalenza germanici, utilizzando le somme amministrate per fini personali o per operazioni non propriamente ortodosse.

L'inchiesta condotta dalla Procura ticinese, su segnalazione dell'autorità di vigilanza federale Finma che ha messo in liquidazione le società, avrebbe svelato un ammanco sui 20 milioni di franchi. I due promotori finanziari, che non avrebbero la licenza per raccogliere capitali in Svizzera, sono accusati di truffa e falsità in documenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.