Navigation

Un accordo fiscale che non piace a tutti

Alcuni membri del governo ticinese hanno pubblicamente espresso il loro disappunto per l'intesa italo-svizzera sulle questioni fiscali

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 gennaio 2015 - 19:26

Fa discutere a livello politico ticinese l'accordo tra Svizzera e Italia, presentato la scorsa settimana. Ora scendono in campo anche alcuni membri del governo. A far discutere non è solo l'imposizione fiscale dei frontalieri, che viene giudicata poco vantaggioso per il Ticino, ma anche una clausola che riguarda i contingenti dei lavoratori stranieri compresi i frontalieri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.