Navigation

Incidente in motoslitta sul confine italo-svizzero, muore 16enne

Un sedicenne italiano è morto domenica in un incidente con la motoslitta in Svizzera, in val Mesolcina. Il padre, che lo accompagnava, è rimasto ferito.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2019 - 14:30
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI News
Il luogo della tragedia. Polizia cantonale Grigioni

La polizia cantonale grigionese ha comunicato che i due stavano svolgendo un’escursione insieme ad altre persone. Sono state queste ultime a lanciare l'allarme. 

Il gruppo proveniva dal Lago Bianco, in Italia, e ha oltrepassato in quota il confine nella zona di Cima de Barna, entrando in Mesolcina. 

Contenuto esterno


Qui, per cause che un'inchiesta dovrà stabilire, una delle motoslitte è precipitata per centinaia di metri in una zona rocciosa. A bordo c'erano due persone, padre e figlio di nazionalità italiana.

Il medico a bordo dell'elicottero di soccorso della Rega non ha potuto che constatare la morte del 16enne. Il padre 44enne ha subito ferite medio gravi ed è stato trasportato all'ospedale di Bellinzona. 

“La notizia addolora tutta la comunità, ma fa emergere un problema che colpisce tutta la zona: l’uso smodato delle motoslitte”, ha spiegato alla Radiotelevisione svizzera la sindaca di Campodolcino, Enrica Guanella. Questi veicoli, aggiunge, “dovrebbero essere usati, come da regolamento, unicamente per raggiungere la dimora di proprietà tramite il percorso più breve”.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.