Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Ticino, niente donne in governo

In un montaggio, gli eletti al Consiglio di Stato 2015

In un montaggio, gli eletti al Consiglio di Stato 2015

(Fotomontaggio Jona Pixel)

Il nuovo esecutivo cantonale sarà l’unico della Svizzera senza rappresentanti di sesso femminile

Tutto come previsto, nessuna sorpresa. Il governo scaturito dal voto di oggi sarà la fotocopia del precedente, con l'unica eccezione di Christian Vitta, che prenderà il posto della collega di partito Laura Sadis che non si è ripresentata. Era il favorito, nelle fila del partito liberale radicale e ce l'ha fatta, anche se ha dovuto rimanere col fiato sospeso fino all'ultimo a causa dell'ottimo risultato del suo compagno di lista Michele Bertini, che ha fatto l'en plein di voti nella "sua" Lugano.

(tvsvizzera)

In governo Vitta troverà gli uscenti Paolo Beltraminelli (partito popolare democratico), Manuele Bertoli (Partito socialista) Norman Gobbi (Lega dei ticinesi) e Claudio Zali (Lega dei ticinesi). In sostanza la composizione politica del Consiglio di Stato, il governo cantonale, non cambierà. L'assalto del partito storicamente di maggioranza relativa, il Partito Liberale, al secondo seggio perduto quattro anni fa e andato alla Lega dei ticinesi è fallito, anche se relativamente di poco.

Contrariamente a quanto molti osservatori pensavano, infatti, , benché per la prima volta affrontasse un elezione cantonale orfana del suo padre-padrone, Giuliano Bignasca, scomparso nel 2013, e benché non potesse più contare sull'alleanza dell'altro partito destra, l'udc, la Lega ha tenuto.

Se non altro i liberali sono però riusciti ad invertire la tendenza a perdere voti registrata nelle ultime tornate elettorali. Cosa in cui ha invece nuovamente fallito l'altro partito borghese, il partito popolare democratico. In calo anche l'altro partito di governo, il partito socialista.

(tvsvizzera)

A livello politico cambierà dunque ben poco, almeno dal profilo del governo.

I veri equilibri politici, però, si vedranno domani, quando saranno noti i risultati del parlamento, il Granconsiglio. Per il legislativo le personalità, i nomi, contano molto meno, e il dato sarà molto meno influenzato dalla presenza o meno di uscenti "di nome". Non sono escluse sorprese.

gin

(tvsvizzera)

×