Navigation

Tetto alla manodopera estera, iniziano i grattacapi

È rottura tra i partiti in Ticino su come procedere. Delegazione del governo cantonale ricevuta a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 ottobre 2016 - 21:07

Il popolo svizzero e ticinese hanno votato in favore di due iniziative della destra (UDC) che intendono porre un limite all'ingresso di stranieri e, in particolare a sud delle Alpi, dei frontalieri, ma la strada per concretizzare le due proposte si presenta assai tortuosa. In Ticino i partiti stanno litigando su come procedere con l'iniziativa "prima i nostri".

Le formazioni di centro propendono per la creazione di una commissione speciale in Gran Consiglio a guida UDC ma Lega e democentristi vogliono istituire un tavolo tecnico. In mattinata nella commissione parlamentare della gestione si è consumata la rottura e il previsto incontro coordinato dal presidente del parlamento di martedì prossimo è saltato. La palla passa ora al plenum del Gran Consiglio che il 7 novembre dovrebbe indicare la rotta da seguire.

E mentre in Ticino si litiga una delegazione del governo cantonale è stata ricevuta dalla commissione istituzioni politiche della Camera alta, che si sta occupando dell'applicazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa.

In Ticino, è stato fatto presente a Palazzo federale, si vorrebbe inasprire il testo votato dal Consiglio nazionale, ritenuto troppo blando e inefficace per arginare la concorrenza della manodopera estera sul mercato del lavoro elvetico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.