Navigation

Task force contro i passatori

Il primo nucleo sarà attivo da settembre a Chiasso; comprenderà agenti di Polizia federale, avrà compiti investigativi e collaborerà con le autorità italiane

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 agosto 2015 - 21:21

La Confederazione ha deciso di schierare una task force per contrastare il fenomeno dei passatori. Il primo nucleo sarà attivo da settembre a Chiasso, sotto il cappello della Polizia cantonale ticinese. Avrà compiti investigativi e collaborerà con le autorità italiane.

Il dramma dei cadaveri di clandestini ritrovati in un furgone abbandonato in Austria, ha ricordato quanto i passatori siano gente senza scrupoli, pedine di bande internazionali che lucrano sulla disperazione.

In Ticino, luogo dove la lotta al fenomeno sarà intensificata appunto da settembre, sono state fermate dall'inizio dell'anno 46 persone sospettate di operare come passatori, e la loro attività potrebbe aumentare in seguito alla chiusura di altre vie di transito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.