Navigation

In Ticino un docente su 5 a rischio burnout

Contenuto esterno


In Ticino, nella scuola pubblica, un docente su cinque ha paura di entrare in aula. Un nuovo studio della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI) ha sondato il benessere emotivo e fisico degli insegnanti e ha scoperto che non pochi accusano sintomi di sfinimento.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 novembre 2017 - 20:45
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 10.11.2017)

Dalla scuola dell’infanzia ai licei, sono circa 2700 -grossomodo la metà di quelli attivi negli istituti pubblici ticinesi- ad aver partecipato all’inchiestaLink esterno.

L’80% si considera in buona salute. Il 20%, invece, accusa frequente affaticamento e ritiene di non poter dare il meglio sul posto di lavoro.

RSI-SWI

"L’affaticamento", spiega Emanuele Berger, direttore della Divisione della scuolaLink esterno, "non è dovuto solo a qualcosa di oggettivo ma anche alla percezione. Più il compito si allontana da quello che è l’insegnamento in aula, più la professione viene percepita come affaticante: questo credo sia un tema interessante da affrontare".

Il peggioramento del riconoscimento sociale della professione contribuisce ad aggravare la situazione.

Chiari sintomi di esaurimento colpiscono una trentina degli insegnanti presi in considerazione, ma sono quasi 200 quelli a rischio di crollo fisico o emotivo.

RSI-SWI

Cifre che preoccupano il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport DECSLink esterno, che in questo studio effettuato dalla SUPSILink esterno ha individuato tra le possibilità di miglioramento la pista delle buone relazioni interpersonali.

Vanno promosse, in altre parole, la collaborazione tra insegnanti e un dialogo proficuo con le direzioni delle scuole. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.