Navigation

Svizzera italiana, magro Natale per i negozi

Contenuto esterno

Nella Svizzera italiana, la corsa ai regali di Natale non ha risollevato un anno magro per i commercianti. Le vendite risentono certo del franco forte, che scoraggia la clientela italiana e d’altrove, ma anche delle nuove abitudini d’acquisto via Internet.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 dicembre 2016 - 20:40
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 27.12.2016)

Paolo Poretti, presidente della società dei commercianti di Lugano, è preoccupato: “Registriamo un calo rispetto agli anni precedenti. Il problema è che già lo scorso anno non era è propriamente brillante. Un calo continuo, pericoloso. Dobbiamo adattarci e trovare nuovi sbocchi, ma al momento è difficile visto che il settore del commercio è in difficoltà in tutta Europa”.

Adeguarsi è quindi la parole d’ordine, ma in che modo? Bruno Balmelli, proprietario di 8 negozi fra Lugano e Mendrisio, ha fatto così: "Abbiamo ritoccato i prezzi in base a quelli della concorrenza estera e di Internet. Le lotte sul campo sono molte, ma pur con tutte le riduzioni di prezzo che abbiamo fatto siamo riusciti a mantenere un fatturato importante. Non possiamo essere scontenti."

Lorenza Sommaruga, del comitato di Federcommercio, parla di dinamismo e ricerca costante. Offrire, ad esempio, ciò che altrove non si trova.

La situazione non è rosea neppure per la grande distribuzione, che –sottolinea il presidente della DISTI Enzo Lucibello- ha vissuto un Natale sottotono anche nelle aperture straordinarie domenicali.

Immediata la reazione di UNIA: puntare il dito contro lo shopping online e gli acquisti oltreconfine, rileva il sindacato, significa colpevolizzare la clientela che cerca di risparmiare, quando per far ripartire l’economia basterebbe aumentare gli stipendi.

La speranza di risollevare il fatturato, per commercianti e grande distribuzione, è ora riposta nei saldi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.