La televisione svizzera per l’Italia

Sempre meno pesci nel Lago di Como

Le acque sempre piu calde del lago hanno un impatto negativo sulla popolazione ittica che è diminuita più del 50%. Nel caso del coregone la diminuzione sfiora il 75%.

Contenuto esterno

Il lavoro del pescatore professionista sul lago di Como è sempre stato un lavoro impegnativo fatto di levatacce, di pesce che non sempre c’è e di un lago che non aspetta: bisogna uscire con il bello e il cattivo tempo o buttare il pescato.

Negli ultimi anni, però, alle difficoltà della professione si è aggiunta una nuova minaccia: il cambiamento climatico. Francesco Ghislanzoni, pescatore professionista con 60 anni di esperienza, lo vede tutti i giorni nelle reti che tira a riva con 10 chili di pesce, “mentre una volta erano quintali”.

Guardando ai dati forniti da Regione Lombardia, da 2011 a 2019 si è passati da 202 tonnellate di pescato dichiarato annue a poco più di 111, una diminuzione del 45%. Se si guarda al coregone, particolarmente toccato dal cambiamento climatico, la diminuzione sfiora il 75%.

Paola Iotti, biologa marina e presidente dell’associazione comasca Proteus, e Alberto Negri, responsabile dell’incubatoio ittico Marco de Marchi finanziato da Regione Lombardia, affermano che la diminuzione di pesci di acqua fredda sono da mettere in relazione all’aumento delle temperature.

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR