Navigation

Sempre meno dialettofoni

Tempi duri per il dialetto, ma i social aiutano tvsvizzera

Solo il 30,7% dei ticinesi parla il dialetto in casa. Nel 2000 erano il 36,7%

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 agosto 2016 - 10:45

Continua a diminuire il numero di dialettofoni in Ticino: a rivelarlo è uno studio congiunto dell'Osservatorio linguistico della Svizzera Italiana (OLSI) e dell'Ufficio federale di statistica (USTAT). Stando ai dati raccolti, riportati dal CdT nella sua edizione di lunedì, solo il 30,7% della popolazione del cantone sopra i 15 anni parla dialetto in casa, mentre nel 2000 questa percentuale si elevava al 36,7%.

Per quanto riguarda il suo apprendimento, il principale canale di trasmissione dell'"idioma ticinese" resta la famiglia, mantenendo così il suo ruolo di "lingua degli affetti", precisa Matteo Casoni, dell'OLSI.

Le ragioni di questo calo vanno cercate, in particolare, nel fatto che "il Ticino è una terra d'immigrazione, con molte persone parlanti altre lingue", prosegue lo studioso.

Una lingua social

A salvare il dialetto da un calo di parlanti ancora più drastico, sono state però le reti sociali: in molti lo usano ormai anche per gli SMS, oltre che su Twitter o Facebook, dove diverse pagine speciali gli sono dedicate, e questo per quella che "normalmente è la lingua della montagna e non dei social media", osserva Casoni.

RSINEWSLink esterno/mrj

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.