Navigation

Rubato un milione con un click

I pirati informatici hanno sfruttato il sistema dei pagamenti via e-mail per vuotare il conto di una banca

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2014 - 19:50

La truffa informatica messa a segno nelle scorse settimane ha del clamoroso. Il cliente di una banca luganese si è visto sottrarre qualcosa come circa un milione di franchi.

L'uomo effettuava i propri pagamenti per e-mail. Ed è stato proprio utilizzando la sua posta elettronica che, dall'Asia, il pirata della rete gli ha sottratto i risparmi. Con alcuni ordini di bonifico ha dirottato il denaro su un conto estero, aperto per l'occasione. Poi ha prelevato i soldi, dileguandosi nel nulla ancora prima che si scoprisse l'ammanco.

Della vicenda si sta occupando ora la magistratura ticinese. Ben difficilmente, però, si riuscirà a identificare l'autore del raggiro. Un sistema, quello usato, che anche alle nostre latitudini – spiegano gli esperti - sta prendendo sempre più piede.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.