Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Rifugiati impiegati nelle aziende agricole

Il progetto dell'Unione svizzera agricoltori non sarà una completa novità per il Ticino, dove da anni rifugiati o richiedenti asilo lavorano come braccianti in alcune aziende

Assumere nelle aziende agricole i rifugiati che si trovano in Svizzera. A proporlo sono l'Unione svizzera degli agricoltori e il Segretariato di Stato della migrazione nell'ambito di un progetto triennale.

In Ticino non sarà del tutto una novità: alcune aziende private, da anni, già impiegano rifugiati o richiedenti asilo ammessi provvisoriamente a svolgere la mansione di bracciante.

A livello nazionale, il progetto che prenderà vita il 1° giugno coinvolgerà 10 aziende, disposte ad impiegare, con un regolare contratto di lavoro e un salario mensile minimo di 3200 franchi, rifugiati che si trovano in Svizzera.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box