Navigation

Rievocando il contrabbando in Bregaglia

Un sentiero storico-didattico ricorda come, fino agli anni Settanta, i percorsi suggeriti oggi ai turisti erano battuti dagli spalloni

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 luglio 2015 - 22:25

Il contrabbando è un fenomeno comune alla storia del Grigioni italiano. La Val Bregaglia lo riscopre con un sentiero storico-didattico sostenuto da Svizzera Turismo. Rievocativo per chi, negli anni degli spalloni, c'era. Esplicativo per le giovani generazioni.

Fino agli anni Settanta, i sentieri oggi suggeriti ai turisti erano battuti da chi contrabbandava, tra Svizzera e Italia, generi alimentari. Soprattutto caffè. Certo un modo per ovviare alla scarsità di prodotti e di ridurre gli stenti, ma pur sempre un'elusione dei tributi doganali con un tornaconto economico.

Nel servizio, il curatore dei pannelli informativi racconta di come all'epoca, pur non praticando il contrabbando, partecipò al trasporto delle merci.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.