Navigation

Quei soldi della camorra

Immagine d'archivio tipress

Confiscati in Ticino altri 400'000 dollari riconducibili al clan dei Casalesi

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2014 - 10:54

Altri soldi depositati dalla camorra in una banca ticinese sono finiti sotto sequestro. La Procura federale ha disposto la confisca di valori patrimoniali per circa 400'000 dollari depositati su un conto cifrato riconducibile al clan dei Casalesi.

Il provvedimento, di cui riferisce la Regione, risale al settembre 2013. È stato disposto al termine di un'inchiesta per riciclaggio aperta dalla sede luganese del Ministero pubblico della Confederazione diretta dal procuratore federale Pierluigi Pasi.

Il denaro oggetto di questa indagine si aggiunge ai 13,8 milioni di euro sequestrati a Lugano che Svizzera e Italia si sono ripartiti ad inizio 2013. Una transazione di cui ha beneficiato anche il Ticino. Di recente si è visto stornare da Berna poco meno di 5,8 milioni di franchi.

Diem

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.