Navigation

Profughi bloccati a Castasegna

La donna è stata bloccata prima che arrivasse in Bregaglia keystone

Le forze dell'ordine italiane hanno fermato una donna di origine iraniana che voleva accompagnare tre afgani in Germania

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 aprile 2015 - 11:27

Una donna con passaporto olandese di origine iraniana è stata fermata prima della dogana di Castasegna Link esternodalle forze dell'ordine italiane mentre cercava di entrare in Svizzera con tre clandestini afghani a bordo della sua vettura.

La donna aveva cercato di entrare in Svizzera attraverso il passo dello Spluga, che però è ancora chiuso per la stagione invernale. Rientrata a Chiavenna ha provato a transitare attraverso il valico di Villa. I movimenti sospetti della donna sono però stati notati dai Carabinieri di Sondrio, che hanno fermato il veicolo.

Interrogata dai militari, la conducente ha spiegato che voleva rientrare in Olanda e aveva accettato di dare un passaggio ai tre afgani diretti in Germania, cadendo però in contraddizione più volte. I Carabinieri, dopo accertamenti, hanno stabilito che i tre asiatici avevano pagato 7'000 euro a testa ad un'organizzazione internazionale che introduce illegalmente profughi in Europa attraverso l'Italia. La donna, risultata appartenente all'organizzazione, doveva portare i profughi da Milano in Germania. Due dei tre afgani hanno rimediato un ordine di espulsione, il terzo, senza documenti e minorenne, è stato consegnato ad una comunità.

Red.MM/Swing

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.