Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Pescati virtualmente, abusati realmente

Abusi

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 aprile 2015 19.15

Un agente di sicurezza del luganese avrebbe abusato sessualmente di una trentina di minorenni adescati in rete

Il suo terreno di caccia erano i social network. Attraverso la rete entrava in contatto con i ragazzi, a cui poi proponeva rapporti sessuali di varia natura. Rapporti a pagamento, in continuazione.

Tanto che, tra il 2011 e il novembre del 2014, avrebbe abusato di qualcosa come oltre 30 giovani. Tutti maschi, tutti minorenni. Parte di loro aveva, al momento dei fatti, meno di 16 anni. Gli altri un'età compresa tra i 16 e i 18. L'accordo era chiaro: soldi in cambio di sesso. E per convincerli il 22enne del Luganese non badava a spese. In un caso avrebbe sborsato addirittura 1'600.- franchi. Non si fermava di fronte a nulla.

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box