Navigation

Paolo Ligresti si è costituito

Indagato per il buco da 600 milioni nei bilanci di Fonsai, viveva in Svizzera; dopo due anni di latitanza, si è consegnato alla dogana di Ponte Chiasso

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2015 - 21:26

Paolo Ligresti si è costituito lunedì mattina alla dogana di Ponte Chiasso. Latitante da due anni, abitava a Collina d'Oro al riparo dall'estradizione, poiché cittadino svizzero.

Il figlio dell'ex re del mattone milanese è indagato della procura di Milano per falso in bilancio. Insieme ai suoi famigliari avrebbe creato e occultato un buco da 600 milioni di euro presso il colosso assicurativo Fonsai. Ora è agli arresti domiciliari nel capoluogo lombardo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.