Navigation

Operai in nero in un cantiere a Lugano

Intervento della polizia in Via Gerso dove è in corso la ristrutturazione di una palazzina. I manovali dormivano nei locali in cui lavoravano

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2015 - 20:51

Quattro operai rumeni senza permesso, pagati in nero e alloggiati nello stesso cantiere in cui lavoravano. È quanto hanno trovato questa mattina agenti della polizia in Via Gerso 17 a Lugano, intervenuti su segnalazione del sindacato OCST. Dai controlli effettuati sono risultate però ulteriori irregolarità che hanno portato al blocco dei lavori.

La ditta rumena non era infatti iscritta all'albo nonostante il risanamento della palazzina richieda un investimento superiore ai previsti 30'000 franchi. Proprietario dello stabile e l'amministratore dell'impresa sono stati denunciati, così come i quattro operai, per aver impiegato personale in nero.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.