Navigation

Nuova condanna a stupratore espulso dalla Svizzera

Cittadino bulgaro fermato in Ticino nonostante il divieto d'entrata

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2016 - 20:38

Un cittadino bulgaro, espulso a vita dalla Svizzera, è stato arrestato la settimana scorsa nel Luganese e condannato a 5 mesi di carcere con decreto d'accusa (che non è stato impugnato).

L'uomo, che aveva scontato una pena per uno stupro commesso in Ticino, non poteva più entrare in Svizzera ma nonostante il divieto continuava a soggiornare nella regione alla ricerca di lavori saltuari in nero.

In precedenza il pregiudicato era già stato multato dalla magistratura ma all'ennesimo controllo di polizia in cui è incappato sono scattate le manette e la nuova condanna detentiva.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.