Navigation

No alla tassa per frontalieri

Costi del traffico ma non solo keystone

Il Consiglio federale boccia la proposta contenuta in una mozione di Lorenzo Quadri; "Contraria all'accordo sulla libera circolazione"

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 giugno 2016 - 16:08

I frontalieri generano costi, ma le regole per la loro ripartizione figurano già negli accordi, fra cui quello sulla doppia imposizione. Il Consiglio federale boccia quindi nel suo parere pubblicato oggi, giovedì, la proposta di una tassa di ingresso che vada a colpire questa categoria di lavoratori, come proposto in una mozione del consigliere nazionale ticinese Lorenzo Quadri. Creerebbe una disparità di trattamento e sarebbe contraria all'accordo sulla libera circolazione delle persone, rileva fra l'altro il Governo.

Nel suo atto parlamentare, il deputato leghista rilevava come i frontalieri siano causa per esempio di usura delle strade, ingorghi che vanno a scapito dell'economia ticinese e aumento dei rifiuti, il cui smaltimento è pagato dai residenti.

pon/ATS

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.