Navigation

Moda internazionale poco etica in Ticino

Il settore della moda versa troppo poche imposte e non corrisponde salari dignitosi. È l'accusa dell'Organizzazione non Governativa "Dichiarazione di Berna"

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 gennaio 2016 - 19:26

I grandi della moda internazionale con sede in Ticino pagano poche imposte e non hanno etica. È la denuncia della Dichiarazione di Berna. Per l'Organizzazione non governativa, che ha tra gli obiettivi la promozione di relazioni economiche eque, grazie alla particolare indulgenza dell'autorità ticinesi, il Cantone è diventato la meta più richiesta dai grandi marchi della moda per i vantaggi fiscali, col loro statuto di "società principale" ma non solo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.