Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Migranti e cure mediche Ticino, primo mediatore culturale in corsia

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un mediatore culturale in ambito sanitario, per gestire le complessità legate al flusso di profughi e altri pazienti con un vissuto difficile. È la nuova figura professionale che l’Ospedale della Beata Vergine (OBV) di Mendrisio introdurrà per primo in Ticino. Venerdì, sui quotidiani della Svizzera italiana, è apparso il bando di concorso.

Una scelta necessaria, spiegano a Mendrisio, per un ospedale di frontiera. Un istituto che si trova sulla rotta di un esodo sempre più importante di migranti ed è ospedale di riferimento per il Centro richiedenti asilo di Chiasso.

Tra i compiti del futuro mediatore culturale, si legge sul bando, “figurano la creazione di percorsi per pazienti migranti degenti e ambulatoriali, la formazione e il sostegno al personale curante, il coordinamento degli interventi di interpretariato, la mediazione volta a garantire il rispetto dei diritti di ogni paziente”.

Fine della finestrella

Il mediatore culturale, che sarà impiegato al 50%, non è un traduttore. Per gli interpreti l’Ente ospedaliero cantonale (EOC) ha già un accordo con un’agenzia creata dalla sezione ticinese di Soccorso operaio svizzero (SOS).

Dovrà facilitare la comprensione tra pazienti e operatori sanitari quando questa è pregiudicata da differenze etniche, politiche, religiose o da un trascorso difficile del paziente.

Il servizio si rivolgerà quindi anche a persone del territorio con difficoltà: disabili, emarginati o malati psichiatrici.

Il progetto pilota del mediatore culturale all'OBV avrà una durata di 3 anni ed è reso possibile dalla donazione di un paziente del medico e direttore sanitario Brenno Balestra.

Il bando di concorsoLink esterno


tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 21.04.2017)

×