Navigation

Migliaia di stecche di sigarette rubate da un distributore vicino a Lugano

In manette tre frontalieri, tra cui una dipendente, che rivendevano il bottino a conoscenti in Italia

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 agosto 2015 - 20:17

Tre persone sono state arrestate in relazione alla sparizione dal magazzino di un distributore di carburanti a Manno (Lugano) di migliaia di stecche di sigarette. Gli amministratori della società Migrolino, che gestisce una rete di carburanti nella Confederazione, hanno sporto denuncia nella primavera scorsa alla Procura ticinese che ha immediatamente avviato l'inchiesta che ha portato all'arresto negli scorsi giorni di una dipendente e di due uomini. Il terzetto, tutti frontalieri, provvedeva poi a rivendere le oltre 6'000 stecche sottratte a conoscenti in Italia. Ora resteranno in carcere per almeno due mesi con l'accusa di furto, subordinatamente, sottrazione indebita.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.