Mercato del lavoro Giusto proporre ai disoccupati di cercare impiego oltre confine?

È un'iniziativa che aveva fatto discutere fin dai suoi albori quella di Basilea Città, che ha organizzato delle serate informative indirizzate ai disoccupati residenti nel cantone dal titolo: "Vivere in Svizzera – lavorare come frontalieri in Germania". Gli incontri hanno avuto successo e, nonostante le critiche, probabilmente continueranno.

Persona mostra brochure

Secondo alcuni gli Uffici regionali di collocamento (Urc o Rav, nella Svizzera tedesca) dovrebbero avere come obiettivo l'integrazione di persone in cerca di lavoro esclusivamente nel sistema economico elvetico.

© Keystone / Gaetan Bally

Basilea Città ha uno dei tassi di disoccupazione più alti della Svizzera tedesca e dallo scorso anno ha cominciato a informare attivamente chi è alla ricerca di un lavoro sulle possibilità offerte nella vicina Germania o in Francia. Anche Basilea Campagna e Argovia hanno introdotto iniziative simili.

Non si tratterebbe di invitare i disoccupati a cercare impiego all'estero. "Le serate erano aperte a tutti e abbiamo contattato i disoccupati che, nei loro annunci, si sono detti interessati al mercato del lavoro europeo", ha detto la responsabile dell'Ufficio cantonale dell'economia e del lavoro, che organizza gli incontri.


Tuttavia c'è chi storce il naso e ritiene che gli sforzi del cantone dovrebbero essere indirizzati nell'aiutare i disoccupati a trovare un impiego in Svizzera, dove il livello dei salari e il costo della vita sono più elevati che nella vicina Germania. 

Secondo i sindacati, inoltre, questi incontri rappresentano un primo passo rischioso che potrebbe prima o poi condurre all'obbligatorietà, per le persone iscritte presso gli uffici regionali di collocamento, di dimostrare di stare cercando impiego anche all'estero.  

Per approfondire:

Parole chiave