Navigation

Meno acqua nel Ticino

La Svizzera teme esondazioni come quelle del 2013 nel Locarnese tipress

Berna ha chiesto a Roma di rivedere le posizioni sul deflusso del Lago Maggiore, proteste degli ambientalisti in Italia

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 giugno 2014 - 15:10

Il ministero dell'Ambiente italiano ha invitato il Consorzio del Ticino, ente pubblico regionale lombardo, a mantenere la regolazione estiva del Lago Maggiore entro il limite di un metro, invece che di un metro e cinquanta centimetri.

La motivazione per interrompere il programma di "deflusso minimo vitale", stipulato tra Lombardia e Piemonte, pare risiedere in una missiva giunta a Roma dalla Confederazione nella quale le autorità federali chiedono "di avviare consultazioni sul tema". Uno dei motivi pare essere il timore di esondazioni, soprattutto dopo intensi periodi di pioggia.

I consorzi e gli enti parco lombardi e piemontesi, d'altra parte, ritengono che il modello di deflusso adottato circa cinque anni fa, abbia permesso di preservare irrigazione, produzione di energia e l'importante ecosistema formato da corridoi ecologici di cui anche il Canton Ticino fa parte. Secondo gli italiani, "magre" estive potrebbero mettere a rischio tutto questo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.