Navigation

Matrimoni forzati in Ticino

Hanno tra i 15 e i 20 anni le ragazze ticinesi che con coraggio hanno chiesto aiuto

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 novembre 2014 - 20:52

È una realtà anche nella Svizzera italiana: i matrimoni forzati. Sono 5 quelli segnalati in Ticino, dal mese di gennaio. Non si esclude però che possano essere di più.

A raccoglierne le testimonianze il progetto "PRECOFO", i cui scopi sono proprio la sensibilizzazione e la lotta contro questo fenomeno.

Nel corso dell'anno quasi concluso è stato possibile consolidare la rete operativa cantonale per contrastare questo fenomeno, spesso difficile da rilevare: "I casi spesso non vengono denunciati, le stesse vittime non si rivolgono ai servizi preposti", sottolinea Sara Grignoli, coordinatrice del progetto.

Proprio per fornire alle donne vittime di nozze forzate gli strumenti necessari per chiedere aiuto, è stato pubblicato in ben 12 lingue l'opuscolo informativo "Io non voglioLink esterno".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.