Navigation

Maroni, "non c'è leale collaborazione" da parte del Ticino

Il governatore lombardo auspica la fine di "questo atteggiamento d'ostilità" delle autorità cantonali in tema di casellario giudiziale e frontalieri

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 dicembre 2015 - 17:20

"Mi auguro che le autorità ticinesi cessino questo atteggiamento di ostilità nei confronti della Lombardia, in particolare sui frontalieri", ha detto Roberto Maroni intervenuto oggi a Varese a un incontro sul progetto di riqualifica del centro cittadino. Il governatore lombardo, sollecitato sulla questione del casellario giudiziale - richiesto dallo scorso aprile in Ticino per l'ottenimento e il rinnovo dei permessi di dimora (B) e di lavoro per frontalieri (G) - ha affermato che "in questo momento non c'è leale collaborazione" da parte dei suoi interlocutori dall'altra parte del confine.

E l'assenza di spirito costruttivo, ha continuato il presidente leghista della Regione lombarda, inevitabilmente conduce a "un inutile, stupido braccio di ferro che non serve a nessuno". In proposito Roberto Maroni ha annunciato un incontro con i dirigenti ticinesi "perché voglio capire come intervenire e come risolvere i problemi, è un interesse reciproco". (spal/alanews)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.