Navigation

Mafia, 17 anni al "locarnese" Scimonelli

Giovanni Domenico Scimonelli polizia di Stato

Il 48enne italiano nato e cresciuto in Ticino, fedelissimo di Messina Denaro, riconosciuto colpevole da un tribunale di Palermo

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 luglio 2016 - 11:23

Giovanni Domenico Scimonelli, detto "Mimmo", è stato condannato a 17 anni di reclusione da un tribunale di Palermo per associazione mafiosa.

Il 48enne, cittadino italiano, è nato a Locarno, dove ha vissuto per oltre 20 anni prima di trasferirsi in Sicilia. Oltre alle sue attività criminali, scrive laRegione nella sua edizione di martedì, "Mimmo" è stato un brillante uomo d'affari. Spesso si recava a Lugano perché aveva le chiavi delle casseforti di Matteo Messina Denaro, uno dei dieci personaggi più ricercati al mondo e latitante da 23 anni.

I viaggi in Svizzera servivano a controllare i conti correnti di Messina, per conto del quale raccoglieva anche i "pizzini" degli altri "associati", motivo per il quale viene considerato dalle autorità il "postino". I risvolti ticinesi non sono ancora stati totalmente chiariti: "Sono in corso verifiche di natura finanziaria presso alcuni istituti di credito ticinesi, ove si ritiene plausibile che alcuni indagati possano aver distratto somme di denaro", hanno fatto sapere le autorità antimafia palermitane.

mrj

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.