Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

M25 colpisce ancora: sbranati 4 asini a Sondrio



M25 non sfugge alle foto

M25 non sfugge alle foto

(Ufficio della caccia e della pesca Grigioni)

L’oramai famoso M25 non è da solo: tra Svizzera e Italia si muove un altro predatore

Non ci sono dubbi: è stato lui, M25. L'orso che da qualche tempo vaga più o meno indisturbato tra Lombardia, Svizzera e Trentino ha colpito ancora. Dopo i primi rilievi sembra proprio che sia stato lui a sbranare 4 asini su un alpeggio a quota 2000 metri nel territorio di Spriana (Sondrio). I segnali emessi dal suo collare confermano che M25 è stato in quelle zone.

A scoprire i resti dei 4 asini alcuni contadini saliti di primo mattino all'alpe per mungere le vacche. Intanto gli allevatori della Val Malenco sono sul piede di guerra: "L'orso va abbattuto al più presto. Sugli alpeggi abbiamo ancora 200 fra mucche, cavalli, asini e pecore. E potrebbe trovarsi ancora in zona per assalire altre bestie".

Chi è l'altro orso che si aggira in zona?

Probabilmente M25 non è da solo: lo lasciano supporre analisi effettuate sui resti di una pecora sbranata lo scorso 23 luglio, nella regione della Bassa Engadina.

Le autorità retiche della caccia, dopo aver fatto esaminare i resti, sono arrivate alla conclusione che a colpire in Svizzera è stato un altro orso e non M25.

La pecora del 23 luglio non è l'unica vittima del "nuovo" predatore, alcuni giorni fa, sempre nella stessa regione, altre pecore e un bovino sono stati sbranati da un orso che nessuno ha visto e del quale non è stata trovata alcuna traccia, ha indicato l'ispettore cantonale della caccia Georg Brosi.

Un altro elemento che confermerebbe l'ipotesi che l'autore di questi ultimi raid non sia M25 è che quest'ultimo, al momento dei due attacchi in Svizzera si trovava in Norditalia, come riferisce Brosi alla stampa svizzera.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×