Navigation

Libera circolazione, è ancora scontro

Il governo ticinese chiede applicazione integrale dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa... anche se ciò potrebbe comportare la rinegoziazione dell'accordo con l'Unione europea

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 maggio 2015 - 20:16

Linea dura del Governo ticinese sull'applicazione del 9 febbraio (iniziativa contro l'immigrazione di massa). E i contrari alla libera circolazione delle persone sono sempre di più. Le condizioni dei lavoratori e il tessuto economico, viene detto oggi da molti, sono al degrado. Come fermare questa spirale? Faccia a faccia tra poco tra Fabio Regazzi, presidente di Aiti (associazione industrie ticinesi) e il segretario sindacale di Unia Enrico Borelli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.