Navigation

Le immagini della vergogna

In un capannone a Germignaga dei frontalieri vivevano in una situazione indecorosa. L'imprenditore: "le condizioni igieniche erano normali prima dell'alluvione"

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 novembre 2014 - 19:27

Un brutto caso a Germignaga, nel Luinese: in un capannone è stato trovato un gruppo di operai impiegati in Ticino. Sindacati e padronato condannano la vicenda. Ecco, in esclusiva, le immagini scattate all'interno del capannone.

Dal canto suo, l'imprenditore respinge con fermezza ogni addebito. "Nessun caso di caporalato" - ha dichiarato attraverso il suo legale. "Gli operai sono perfettamente in regola: sia dal profilo contrattuale, sia per quanto riguarda il loro soggiorno in Italia e i permessi di lavoro in Svizzera". Stesso discorso per lo stabile: "prima dell'alluvione - ha aggiunto il titolare della ditta - le condizioni igieniche erano normali".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.