La televisione svizzera per l’Italia

Le elezioni comunali ticinesi all’insegna di una sostanziale stabilità

La gioia di Michele Foletti dopo la riconferma a sindaco di Lugano.
La gioia di Michele Foletti dopo la riconferma a sindaco di Lugano. KEYSTONE/© Ti-Press

Poche sorprese e molte riconferme in occasione delle elezioni comunali del canton Ticino.  

L’importante appuntamento delle elezioni comunali nel canton Ticino si è tenuto questa domenica. La popolazione del cantone italofono è stata chiamata a decidere a chi attribuire i 2’833 seggi distribuiti tra 95 municipi e 87 consigli comunali. 

L’età media di candidate e candidati ha superato i 50 anni, mentre la percentuale di donne, seppur in aumento, non ha raggiunto il 33%. Oltre a un clamoroso annullamento delle elezioni per irregolarità nel Comune di Arbedo-CastioneCollegamento esterno, ci sono state poche sorprese.  

Il flop delle liste unite

L’unione tra il Partito socialista e quello dei verdi non ha portato i risultati sperati: l’alleanza rosso-verde ha infatti perso 14 seggi negli esecutivi comunali. Prese singolarmente, invece, le due formazioni hanno fatto meglio: il PS ha guadagnato un seggio (da 25 nel 2021 e passato a 26 oggi), mentre i Verdi sono rimasti stabili a un seggio.  

Un’altra unione ha subìto le stesse sorti: le liste uniche di Lega dei Ticinesi e UDC (destra conservatrice) hanno perso cinque seggi (35), mentre singolarmente ne hanno conquistati sei la Lega (21) e cinque l’UDC (13). 

Il Partito liberale radicale (PLR, destra) ha invece guadagnato sette seggi (173), così come il Centro (124). 

Poche sorprese anche nei principali centri urbani. A Lugano, per esempio, dove il sindaco Michele Foletti, entrato in carica a dopo il decesso di Marco Borradori, ha avuto la meglio sull’ex presidente di UDC Svizzera Marco Chiesa, che dal canto suo entra nell’Esecutivo cittadino. Riconfermato anche il sindaco della capitale cantonale, esponente di Unità di Sinistra Mario Branda. Anche a Chiasso è stato riconfermato Bruno Arrigoni (PLR). Aria di novità, invece, a Locarno, dove il liberal-radicale Nicola Pini prende il posto dell’uscente collega di partito Alain Scherrer.   

La Radiotelevisione della Svizzera italiana ha seguito (e continua a seguire) da vicino le elezioni: 

Attualità

Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori
binari in tunnel

Altri sviluppi

Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dei lavori di riparazione lo scorso ottobre, sono stati sostituiti sette chilometri di binari nel tunnel ferroviario di base del San Gottardo ed è attualmente in corso l'installazione di un nuovo portone di cambio binario, indicano le FFS.

Di più Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari
dottoressa esamina orecchio di una paziente

Altri sviluppi

Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Nei prossimi 10 anni la medicina interna generale perderà il 44% degli impieghi a tempo pieno principalmente a causa dei pensionamenti e della riduzione dei tassi di occupazione.

Di più Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera
maxi schermo

Altri sviluppi

La Cina fa ancora la voce grossa attorno a Taiwan

Questo contenuto è stato pubblicato al A tre giorni dall'insediamento alla presidenza dell'isola di William Lai, ritenuto da Pechino un "pericoloso separatista", l'esercito cinese ha mobilitato aerei e navi da guerra per delle esercitazioni al largo di Taiwan.

Di più La Cina fa ancora la voce grossa attorno a Taiwan
Tino Chrupalla,

Altri sviluppi

L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Alternative für Deutschland è stato espulso dal gruppo che riunisce, tra gli altri, la Lega e il Rassemblement National di Marine Le Pen. Il partito di estrema destra tedesco è finito sotto i riflettori per una serie di scandali.

Di più L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR