La televisione svizzera per l’Italia

“La tassa sui frontalieri è iniqua”

personale sanitario al lavoro
La misura serve a finanziare il settore sanitario italiano nelle aree di confine, confrontato con una carenza di manodopera, che spesso opta per un lavoro in Svizzera. Keystone / Giuseppe Lami

I sindacati italiani, appoggiati da quelli svizzeri, hanno chiesto al Governo di fare dietrofront sulla manovra introdotta con la legge di bilancio che tassa i lavoratori e le lavoratrici frontaliere per finanziare il servizio sanitario nazionale.

Dopo una prima richiesta inoltrata in ottobre, Cgil, Cisl e Uil della Lombardia sono tornati alla carica per domandare al Governo di stralciare un provvedimento ritenuto “iniquo, ingiustificato e, verosimilmente, illegittimo”.

La misura, che serve per “finanziare un maggior salario ai lavoratori della sanità nelle aree di confine”, appare essere “di dubbia legittimità, perché si porrebbe in contrasto con il principio di universalità del sistema sanitario nazionale garantito a tutti i cittadini italiani indipendentemente dalla propria condizione”, affermano sostenuti dai sindacati svizzeri Unia e Ocst.

Il provvedimento introduce inoltre “un meccanismo di doppia imposizione – secondo le organizzazioni sindacali – proprio a valle di un trattato internazionale contro le doppie imposizioni sul modello adottato dai Paesi OCSE”.

Da qui la richiesta di “convocazione immediata del tavolo interministeriale costituito e introdotto dalla legge numero 83 del 2023”. In attesa di essere convocate le organizzazioni sindacali annunciano l’avvio di una “verifica di legittimità della norma introdotta dalla Legge di Bilancio del 2024” e la convocazione di “assemblee dei lavoratori frontalieri nelle aeree di confine”.

Per saperne di più sul tema potete consultare questo articolo:

Altri sviluppi
Due corsie alla dogana di Ponte Chiasso, una per i frontalieri e l altra per tutti gli altri utenti.

Altri sviluppi

La sanità italiana chiama alla cassa i frontalieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Tassare i frontalieri per ottenere i fondi da destinare al personale sanitario italiano così da evitare la loro fuga verso il Ticino.

Di più La sanità italiana chiama alla cassa i frontalieri


In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR