Navigation

La guerra dei parcheggi

Piazza Volta, assalita da automobilisti abusivi La Provincia di Como

A Como, in piazza Volta, sono numerose le autovetture posteggiate abusivamente. Molti sono ticinesi

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 ottobre 2014 - 11:46

Sembra davvero che sia nata la guerra dei parcheggi. In Ticino si fa di tutto per eliminare parcheggi per "obbligare" i frontalieri a prendere mezzi pubblici (per non dire altro). Ora, come si legge sulla Provincia di ComoLink esterno, si fa notare che la maggior parte degli automobilisti indisciplinati - in questo caso a Como - siano dei ticinesi.

È il caso della sosta - abusiva - in Piazza Volta, destinata solo ai residenti. Qui soprattutto gli stranieri posteggiano un po' ovunque anche sulle strisce gialle. Così, come racconta il quotidiano comasco, venerdì sera alle 21 ben 14 posti sui 19 presenti in piazza Volta, tutti dedicati ai residenti, erano occupati abusivamente. E ben sette avevano targa straniera, di cui cinque ticinesi. Stessa storia domenica. 12 parcheggi erano occupati irregolarmente sui 19 a disposizione.

E sul sito del giornale le reazioni non mancano. Chi scrive che "sono anni che gli automobilisti Svizzeri in Italia fanno quello che gli pare tanto sappiamo bene che le sanzioni non le pagano", e c'è chi è più ironico: "sicuramente, diranno loro, si tratta di italiani con targa svizzera". Ma c'è anche chi scrive che "le multe che noi (italiani) prendiamo in svizzera dobbiamo pagarle"... allora c'è anche chi si chiede se la colpa sia "degli svizzeri o dei vigili che non controllano e non multano". La discussione, insomma, è lanciata.

E su facebook c'è anche una pagina dedicata ai peggiori parcheggi abusiviLink esterno, e qui indipendentemente dalla nazionalità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.